Le nostre rubriche

PAGELLONE DEL GIRONE DI ANDATA 2018
A2: tutto sommato, un buon girone di andata per la Widiba, una sola sconfitta, non senza rimpianti, ma un
po’ troppi pareggi (ben tre). Marco Sinigaglia 7 ½ : da lui ci si aspetterebbe sempre qualcosa in più, rimane
una garanzia, ma gli anni passano e le dita gli si stanno consumando sulla tastiera del telefonino,
combattuti tra donne e scommesse calcistiche. Matteo Gualdi 7: la percentuale superiore al 50%, in questo
girone, non è certo male, ma anche in questo caso speravamo in qualche ulteriore acuto, speriamo che i
suoi risultati crescano proporzionalmente rispetto ai bicipiti. Federico Bacchelli 7+: come previsto, un buon
impatto nella nuova categoria a tempo pieno, chi temeva che sarebbe andato in depressione per la
lontananza della bella Catalina si è dovuto ricredere, anzi, pare assai meno spompato rispetto allo scorso
anno… Gli conferiamo il + per l’eccellente scalpo di Genova che evitò la sconfitta alla propria squadra.
B1: girone assai impegnativo per la Zerosystem, al momento salva, ma terzultima, con un paio di amnesie di
troppo. Capitan Vai 7: il migliore dei suoi, ma stiamo tirati, perché non si è schierato in un paio di occasioni
in cui avrebbe potuto dare una mano alla squadra; Tommy Seidenari 7: voto di fiducia, soprattutto perché
si tratta di un esordiente; Sandrino Bisi 6 ½: gran lottatore come sempre, anche se gli anni passano e la
fatturazione elettronica incombe… Lorenzo Guercio 5 ½: solito bel ragazzo e bel ciuffo, però con la salute di
un 70enne, speriamo si rimetta al 100%, soprattutto per se stesso, oltre che per il suo team.
B2: che sarebbe stata dura per la Cast Group, era ampiamente scontato: girone impestato, squadra
giovane, due esordienti a tempo pieno, però un paio di scivoloni evitabili non sono purtroppo mancati ed
ecco spiegato l’attuale penultimo posto in classifica. Matteo Pecchi 7 ½: il rimpianto più grosso è per
l’ultimo nazionale Allievi, in cui il podio più alto gli è sfuggito di un soffio, speriamo non si faccia scappare
così anche la corteggiatissima figlioletta del Ronca….; Alessandro Casini 7-: buon impatto per lui nell’inedita
serie, si becca però il “meno” per la grave disattenzione contro quel vecchio marpione di Troni; Francesco
Mundo 6-: vale per lui quanto detto per il suo socio Casini; Capitan Raffa 5 ½: se con un allenamento ogni
sei mesi poteva dire la sua in serie C, adesso il discorso è diverso e lo 0% grida vendetta, dovrà comunque
tenere ritto il timone sino alla fine per evitare la retrocessione ai suoi marmocchi.
C1: si illudeva, il Camma, di poter fare un campionato di vertice, ma i gufi inesorabili gli hanno regalato ben
tre sconfitte assurde per 5-4 e così la Keratrans galleggia a metà classifica, più vicina al fondo, peraltro, che
alla vetta. Michele Mirabella 7 ½: qualche disattenzione qua e là, soprattutto quando studia troppo e non
esce la sera, lo sfavamento si fa sentire di più anche in campo; Lorenzo Cammarano 7-: forse è distratto dal
suo inedito ruolo di capitano, sarà per quello che ha perso qualche partita di troppo, al ritorno pretendiamo
qualcosa in meglio; Daniele Stanga 6: il ns neo acquisto ha pagato un po’ lo scotto dell’esordio, ma ci
attendiamo possa recuperare, adesso che si è abituato all’aria (e alla cucina) emiliana.
Se la Metalparma, al termine del girone di andata, può fregiarsi di essere terzultima e non il fanalino di
coda del girone, lo deve sicuramente al Ronca, il quale, tornando al proprio vecchio amore, la puntinata
lunghissima, sta vivendo una nuova giovinezza, toccando picchi di rendimento che riportano ai fasti di
Boves, con aria di ritorno tra i Terza categoria. Marco Roncaccioli 9-- : i quattro soli punti in classifica della
squadra derivano dalle sue rispettive triplette, i meno, invece, se li è aggiudicati per la “scampagnata” in
occasione del match decisivo a Chiavari; Gigi Sala 7-: prima dell’ultima giornata di campionato, il suo rating
sarebbe stato un bel cinque, ma la doppietta di Spezia è stata troppo importante, speriamo riprenda ad
allenarsi almeno un poco, nonostante sia migrato in terra reggiana; Marco Piacente 5 ½: certamente, gli
acciacchi fisici non l’hanno stimolato a darsi da fare, siamo sempre stati tolleranti in caso di “distrazioni”
femminili, ma il tradimento verso il mondo dei motori proprio non glielo possiamo perdonare, confidando,
tuttavia, di poterlo recuperare per il gran finale. Lo Storto 4 ½: speriamo che finalmente si decida a ritirarsi,
potrebbe essere l’anno buono.
C2: tira aria di play off per la Bper, anche se la stagione è ancora lunga. Giancarlo Patera 7 ½: non possiamo
esagerare col suo voto, perché questa non è di sicuro la sua categoria, anche se pure lui si è convertito alla
puntinata (corta); Daniele Rossi 7 ½: il nostro giovanissimo neo acquisto ha fatto vedere da subito che si
tratta di un ottimo investimento, non resta che addestrarlo a smazzolare anche i gommacciari; Tiziano
Bacchelli 7: nonostante si distragga spesso inviando foto piccanti col telefonino, ha sicuramente dato il
proprio contributo ai successi della squadra. Carlo Presta 5 ½: secondo noi, pensa troppo alle vacanze e al
Nasdaq e per ritrovare fiducia dovrà decidersi a fare qualche torneo la domenica invece di stare sempre in

balera il sabato sera, che poi si presenta in palestra sbattuto e rischia di accecare l’unica femmina pongista
rimasta…
D1: formazione oramai ampiamente consolidata quella di capitan Liambo, per cui nulla di strano che la PFM
veleggi al secondo posto in classifica. Cristina Triboi 8 ½: peccato che la si veda un po’ meno in palestra,
forse per solidarietà con la sorellina studente all’estero. Stefano Varisco 8: copia incolla dello scorso anno
“ormai una garanzia in questa serie”. Fabio Benatti 6 ½: anche lui non manca mai di fornire il proprio
apporto. Rino Liambo sv: chissà se lo vedremo almeno una volta in campo il prossimo anno.
Vola alta pure l’Alfa Auto, seconda piazza anche per il Piccio-team. Johnny Contreras 8: pronto per il salto
di categoria, gli perdoniamo persino di essere uno dei tanti “strisciati” che si aggirano per la palestra;
Capitan Piccinini 7 ½ : al ns evergreen, come ampiamente pronosticato, la serie D sta stretta. Riccardo
Franchini 7: anche lui, in costante crescita; Marco Sanfilippo 7-: altro ottimo acquisto di questa stagione.
D2: dopo un inizio un poco stentato, la ns formazione, con molti esordienti, ha iniziato a macinare punti e
ormai può dirsi distante dalle zone fangose della classifica. Willy Maugeri 7 ½: abbiamo l’impressione che il
suo ingresso in squadra, dopo l’infortunio, abbia garantito la svolta, avanti così dunque; Michele Maiellano
7 ½: un altro prode storteggiatore si sta facendo innanzi e con margini di crescita; Francesco Cammarano 6
½; Giuseppe Sturiale 6; Andrea Bertelli 6-.
D3: squadra per fare esperienza riguardo ai giovanissimi e per divertirsi riguardo ai diversamente giovani.
Michele Corradi 8; capitan Tioli 7; Davide Monari 7; Kevin Iacono 7-; Umberto Bertacchi 6.
Presidenza: Alessandro Battani 8--: in palestra continuano a mancare aria condizionata, jacuzzi e,
soprattutto, le donzelle (da cui un primo “meno”); in compenso, è arrivato il nuovo pavimento, i tavoli Stag
(però appannaggio di pochi eletti) e le indistruttibili palline in Abs; l’altro “meno”, se lo becca perché ci ha
rifilato biglietti della lotteria sociale con in quali non s’è vinta neppure una benemerita fava di consolazione.